A cura di Benedetto Gugliotta
La mostra fa parte del ciclo Dante. Gli occhi e la mente, un progetto organizzato dal MAR – Museo d’Arte della città di Ravenna che indaga la figura di Dante Alighieri da diverse prospettive e si articola in tre mostre che si svolgeranno da settembre 2020 fino a luglio 2021 presso la Classense, la chiesa di San Romualdo e il MAR.
Inclusa est flamma ricorda il 6° Centenario dantesco del 1921, inaugurato l’anno prima alla presenza del Ministro Croce. Saranno esposti libri, manifesti, fotografie, dipinti, manoscritti e numerosi oggetti d’arte conferiti come omaggio a Dante e alla città “ultimo rifugio” del poeta.
Tra i pezzi più evocativi, il manifesto ufficiale realizzato da Galileo Chini, recentemente restaurato e presentato nella sua rara versione completa (cm 200×140); la “Commedia” monumentale di Leo S. Olschki del 1911, con proemio di Gabriele d’Annunzio di cui sara in mostra il manoscritto autografo; i sacchi contenenti foglie d’alloro donati da d’Annunzio e decorati da Adolfo De Carolis col motto “Inclusa est flamma”; il modello in bronzo del monumento a Dante di Trento realizzato da Cesare Zocchi (autore del “Monumento ai Caduti per l’Indipendenza e per la Liberta d’Italia” di Viale Farini a Ravenna).
La mostra, che gode del patrocinio del Comitato Nazionale per le celebrazioni dei settecento anni dalla morte di Dante Alighieri e della Società Dantesca Italiana, e realizzata dal Comune di Ravenna, Biblioteca Classense e Mar – Museo d’Arte della città di Ravenna in collaborazione con il Centro Dantesco dei Frati Minori Conventuali – Ravenna, Casa editrice Leo S. Olschki, Fondazione Casa di Oriani, Istituto Storico della Resistenza e dell’Eta Contemporanea di Ravenna e Biblioteca Comunale Manfrediana di Faenza, col contributo di Regione Emilia-Romagna e IBC Emilia-Romagna

Ingresso libero, limitato nel rispetto della prescrizioni sanitarie

• martedì – sabato 9.00 – 18.00
• domenica, lunedì e festivi chiuso