Emilia Romagna Welcome
Nature experience 3
EXPERIENCE

Il Parco del Delta del Po

Una delle zone sedimentarie più importanti d’Europa, la più vasta d’Italia che racchiude elementi di biodiversità che la rendono un paradiso per naturalisti, biologi, turisti e birdwatchers. Il Parco è organizzato in 6 ambiti territoriali denominati “Stazioni” ed è sempre uno spettacolo alla vista per chi anche solo una volta sceglie di visitarlo. La stazione sud è la Salina di Cervia, un ambiente di elevatissimo interesse naturalistico e paesaggistico. All’interno del Parco del Delta del Po, è presente l’Ecomuseo di Argenta, composto da tre sezioni: il Museo delle Valli di Argenta, il Museo della Bonifica e il Museo Civico.

03C_nature_experience_3b
03C_nature_experience_3c

L’emozione del birdwatching

Odori, colori, saperi, sapori: l’osservazione degli uccelli è il modo più emozionante per entrare a contatto con la natura del Parco del Delta del Po, così varia e così viva da rimanere impressa nella memoria di ogni visitatore. Il Parco del Delta del Po si estende per 54.000 ettari distribuiti su 9 comuni nelle province di Ferrara e Ravenna. Vari sono gli ambienti che lo compongono e che vanno dai residui dunosi, lungo alcuni tratti del litorale, alla verde distesa del Bosco della Mesola; dai suggestivi percorsi naturalistici lungo i suoi fiumi alle antiche pinete; dalle sterminate distese di acqua salmastra delle Valli di Comacchio e della Sacca di Goro alle valli di acqua dolce di Argenta e di Ostellato, zone dove trovano cibo e riparo numerose specie di uccelli.

nature_exp_c_bosco_della_mesola

Riserva naturale Bosco della Mesola, un tesoro tra i boschi

La Riserva Naturale del Gran Bosco della Mesola, con una superficie di 1.058 ettari, rappresenta uno degli ultimi e meglio conservati residui di bosco di pianura, memoria delle antiche foreste che si trovavano fino a qualche secolo fa lungo la costa adriatica. Il bosco della Mesola è una riserva naturale dove è possibile osservare gli ultimi esemplari del Cervo delle dune, specie autoctona e protetta: non è difficile ascoltare il bramito dei cervi che, nella stagione dell’amore, si trasforma in un concerto indimenticabile.

nature_exp_c_valli_comacchio

Valli di Comacchio, dove la natura abbraccia l’uomo

Comacchio e le sue Valli, un legame intenso e pieno di fascino a cui nessuno riesce a sfuggire: residuo di un complesso di circa 11.000 ettari di superficie, ridotti progressivamente a seguito delle bonifiche, e area di acqua salmastra dedicata alla pesca, in cui viene immessa acqua salata dal mare o dolce dal fiume. Dall’argine sinistro del Reno all’interno delle Valli di Comacchio si spinge la penisola di Boscoforte che, grazie alla contemporanea presenza di acqua dolce e salmastra si caratterizza per ambienti naturali diversi. Tra i suoi abitanti, spiccano esemplari di cavalli Delta di derivazione Camargue e numerose specie di uccelli: per la sua posizione privilegiata e le sue caratteristiche strutturali, Boscoforte richiama un’avifauna particolarmente ricca e variegata.

Experience

Back to top